Regione che vai, pesce che trovi

Nella cucina italiana il pesce gioca un ruolo di primo piano.

Ogni regione del Bel Paese vanta un'ampia varietà di specialità ittiche. Non solo le regioni che si affacciano direttamente sul mare, ma anche quelle interne che sono attraversate in lungo e in largo da corsi d'acqua in forma di fiumi, torrenti, laghi.

Pesce di mare, di fiume, di lago. Pesce d'acqua dolce e d'acqua salata.

Il pesce costituisce un importante elemento identitario della cultura gastronomica italiana e al tempo stesso un elemento che differenzia e caratterizza le specifiche territorialità delle venti regioni che, insieme, danno forma allo "stivale del gusto". 

Il pesce d'acqua dolce e d'acqua salata ha costituito il filo conduttore dell’edizione 2016 di "Chef in punta di dita", il primo concorso nazionale ed internazionale dedicato all'arte di creare finger food, all'interno della manifestazione "Tecno&Food" che si è tenuta alla Fiera di Padova dal 20 al 23 novembre. 

La cena "Finger Fish" si propone come anteprima dell’evento "Chef in punta di dita 2016".

Una cena esclusiva, su invito, sabato 19 novembre, organizzata in una location unica, il Padiglione 2 della Fiera di Padova allestita appositamente per l'occasione. Gli intervenuti hanno potuto assaggiare le specialità che raccontano l'Italia d'acqua dolce e salata, il valore del suo ricchissimo patrimonio ittico e le infinite sfumature della cucina di mare, lago e fiume delle sue 20 regioni, tutte da degustare in punta di dita. 

Accomodati intorno ad una tavolata rettangolare posizionata nello spazio in modo tale da favorire la massima socialità e la condivisione di una straordinaria esperienza del gusto, i 130 fortunati ospiti hanno viaggiato idealmente di mare in fiume in lago, da nord a sud, assaporando 20 differenti "finger fish" (4 portate composte ciascuna da 5 finger), realizzati in esclusiva per l'evento dal plurimedagliato chef Gianluca Tomasi, Direttore dell'Ateneo della Cucina Italiana, ordine della FIC. In più il finger food dolce è stato creato e spiegato dal Campione della Pasticceria Luigi Biasetto.

Al centro dello spazio gastronomico, nell'area compresa tra i due elementi che compongono la tavolata, hanno trovato collocazione le narrazioni di 'guide' scelte – chef, sommelier, esperti del patrimonio acqueo italiano – che hanno accompagnato il percorso dei commensali svelando i segreti dell'unicità di ogni "finger fish": dalle materie prime alla lavorazione, dalle tradizioni culinarie alle tipicità territoriali, dalle curiosità legate alla pesca al turismo regionale.

Nel corso della serata, finger dopo finger, stimolati anche visivamente dalle suggestive immagini proiettate su grandi schermi all'interno della sala, gli ospiti hanno fatto esperienza di una cucina italiana la cui eccellenza, rinomata in tutto il mondo, nasce proprio dall'incontro armonioso delle peculiarità culinarie delle singole regioni, tutte con una gustosa storia di acque e sapori da raccontare.

 

VIDEO

 

FOTO

 

Libro Chef
in punta di dita

Un prestigioso ricettario dedicato al fenomenno gastronomico del Finger Food, oggi più che mai di tendenza, firmato da chef stellati del panorama culinario italiano

Acquista