Finger Food, Italia del pesce

 

Il 15esimo appuntamento del Salone biennale del Gusto, Tecno & Food, il più rinomato del Nordest, dedicato a ristoratori e operatori del settore, è stato inaugurato il 20 novembre da un evento speciale: "Finger Fish Italia". Il grande chef Gianluca Tomasi ha compiuto un viaggio gastronomico nelle regioni italiane, seguendo come filo conduttore l'acqua e i pesci tipici della nostra penisola, da quelli di mare, al lago sino ai fiumi. Le degustazioni sono state accompagnate da una proiezione che dal sapore riportava ai meravigliosi panorami offerti dall'Italia in tutto il territorio. I vini sono stati attentamente selezionati dalle cantine Tor De' Falchi, Montecappone e Pedrotti. Dal salato al dessert, e a deliziare i palati con i finger dolci di alta classe, prima del caffè offerto da Torrefazione Pedron, ci ha pensato il Maestro Luigi Biasetto, Campione del Mondo e giudice della nota trasmissione di Rai Due "il Più Grande Pasticcere". Dettagli, curiosità e le delicatezze di queste preparazioni sono stati spiegati dal critico gastronomico Sergio Grasso e dall'eclettico chef della Nazionale Italiana Cuochi, Marco Valletta, accompagnati dall'ideatore della serata Ferruccio Ruzzante. Ad assistere gli chef in questa inaugurazione c'erano gli studenti dell'Istituto Alberghiero di Castelfranco.

 

 

La Fiera Tecno e Food quest'anno ha ospitato il quinto Campionato Nazionale "Chef in punta di dita" e il terzo International Championship di Finger Food. 

 

L'arte di creare capolavori di gusto, che si possono tenere "in punta di dita" e gustare in un boccone, è da tempo diventata una specialità per i grandi artisti della cucina. Il Concorso del 2016, organizzato dal Consorzio Zafferano, Sirman spa e Padovafiere, con il patrocinio della Federazione Italiana Cuochi, riconosciuta da WorldChef - Associazione Mondiale dei Cuochi, ha apportato diverse novità al normale svolgersi della sfida. Oltre agli chef singoli sono state previste squadre, che dovevano realizzare finger food caldi e freddi. Centrale il tema del mare: i cuochi infatti potevano inserire fra gli ingredienti due prodotti ittici a loro scelta. I finger però non dovevano essere solo salati ma, novità assoluta, anche dolci, un"ulteriore prova ad arricchire la competizione. Per la valutazione delle abilità e della precisione dei cuochi, visto che i finger dovevano essere uguali per dimensioni, proporzione e gusto per un massimo di 20 grammi, c'era una giuria internazionale guidata da Giorgio Nardelli e composta da Gianluca Tomasi, Fabio Mancuso, Fabio Momolo, Annalisa Borella e Eberhard Seyffer. Premi in attrezzature per i vincitori delle categorie e delle singole giornate, oltre al titolo di "The Best Finger Food 2016" per il titolo assoluto. Altra novità del 2016, anche il pubblico poteva dare il proprio giudizio assaggiando i finger realizzati della squadra scelta e lasciando un contributo che andrà alle attività formative dell"Associazione Cuochi Abano e Terme Euganee. A curare l'area degustazioni gli studenti dell'Istituto Alberghiero di Abano Terme. A proposito, la giornata di domenica è stata interamente dedicata alle scuole alberghiere italiane. Per appassionati, cultori e novizi offerti ogni giorno cooking show con grandi chef da tutta Italia, alcuni stellati come Stefano Baiocco o innovatori come lo chef della cucina su zeolite Paolo Caratossidis.

 

 

Se selezionato il programma A indicare 3 nomi:

Indicare 5 ricette ed inserire una loro foto.

Libro Chef
in punta di dita

Un prestigioso ricettario dedicato al fenomenno gastronomico del Finger Food, oggi più che mai di tendenza, firmato da chef stellati del panorama culinario italiano

Acquista